Dicono di noi

 

Nicola Ciarmatori (Sound engineer)

"Per la prima volta mi sono trovato a registrare nel mio studio la batteria BANDITA (set in pioppo GLADIATOR).

Il Maestro Max Govoni ha portato in studio un set abbastanza “complesso” e il pensiero di un fonico davanti ad a una situazione di questo tipo corre subito alle difficoltà che potrà incontrare sia in fase di registrazione e, quindi, di “microfonatura”, ma soprattutto, in fase di mix.

Ed invece, in modo sorprendente per me che non conoscevo questa marca di batterie, entrambe le fasi della lavorazione si sono rivelate di una semplicità quasi incredibile. Voglio sottolineare, in queste poche righe, le sonorità profonde, ma assolutamente controllate e controllabili in maniera precisa, di tutti i fusti, dalla cassa ai rack toms ai floor toms. Suono pieno, anche con “tocco” morbido da parte del musicista; attacco preciso e incisivo con un tocco più “robusto”. Rullante sempre “preciso” ed in giusta evidenza, con una presenza costante e proporzionalmente adeguata della cordiera, sia nelle dinamiche più “soft” che in quelle più potenti.

In questo caso si è trattato di inserire BANDITA nel mix di un progetto “jazz-prog”. Ma mi piacerebbe poterla provare anche in un progetto “pop-rock”: sono sicuro che il risultato sarebbe a dir poco esaltante! Questo confermerebbe una mia ipotesi: che strumenti musicali ottimi riescono a fornire ottimi risultati in generi musicali anche molto diversi tra loro, dimostrandosi del tutto versatili".